I primi eschimesi


Le tracce di un'antica popolazione rinvenute in Alaska, potrebbero spiegare i misteri che ancora avvolgono le caratteristiche sociali e antropologiche degli Yupik, popolo indigeno di origine eschimese, assimilabile ai più famosi inuit. Si tratta di un'area di scavo nei pressi del villaggio di Quinhagak, a mille miglia dallo Stretto di Bering. 

Gli archeologi dell'Università di Aberdeen, in Scozia, guidati da Rick Kneght, hanno individuato preziosi reperti e soprattutto importanti tracce organiche degli antichi abitanti del luogo, fra cui alcune ciocche di capelli in perfetto stato di conservazione. Da qui s'intende partire per capire le relazioni con le popolazioni attuali, affidandosi anche allo studio degli isotopi che potranno confermare il tipo di dieta osservato dagli antichi alaskani. 

Il sito fu abitato durante la cosiddetta "piccola età glaciale", compresa fra i 1450 e il 1850 d.C.; un periodo di grande freddo che colpì tutto l'emisfero boreale, e che obbligò molte tribù a migrare verso angoli più caldi. 

Commenti