Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2013

Ecco come si parlava in Europa 6000 anni fa

Immagine
La madre di tutte le lingue risorge dopo 4mila anni grazie a uno studioso americano dell'Università del Kentucky che ha registrato due favole in proto-indoeuropeo. Da essa sono derivati il latino, il greco e il sanscrito. Si parlava in mezza Europa, durante l'epopea Kurgan, fra 4mila e 2mila anni prima di Cristo; una lingua molto gutturale, di suono consonantico.


Intelligenti come... una città

Immagine
Milano, Torino e Genova hanno firmato un paio di settimane fa il protocollo d'intesa per un processo condiviso di trasformazione verso smart city. Ma non sono le uniche a muoversi in questa direzione. Ecco le principali "città intelligenti" e gli obiettivi raggiunti... 
PRATO Ha realizzato un impianto di smart outdoor lighting, un sistema di gestione e telecontrollo degli impianti d'illuminazione pubblica. Si basa sulla tecnologia Minos System che consente di interagire tramite computer o smartphone con ogni singolo lampione rivelando eventuali malfunzionamenti. Permette di risparmiare energia elettrica e calibrare al meglio le forze lavoro. E' entrato in funzione da poco anche il sistema Wise Traffic Controller, che consente il monitoraggio del traffico veicolare. 
VERONA Sta spremendo le sue energie per l'attivazione di tecnologie (Rfid) per l'identificazione e la memorizzazione di dati relativi a mezzi in circolazione, tramite particolari dispositivi ele…

La scienza spiega il "miracolo del sole"

Immagine
«Le nuvole si aprirono e il sole al suo zenit apparve in tutto il suo splendore. Iniziò a girare vertiginosamente sul suo asse, come il più magnifico fuoco d’artificio che si possa immaginare, assumendo tutti i colori dell’arcobaleno e lanciando bagliori di luce multicolore. Questo sublime e incomparabile spettacolo, che si è ripetuto tre volte, è durato per circa dieci minuti. L’immensa moltitudine, sopraffatta all’evidenza di tale tremendo prodigio, si gettò in ginocchio». È il resoconto fornito da Manuel Nunes Formigao, sacerdote del seminario di Santarem, all’indomani del cosiddetto “miracolo del sole”, avvenuto a Fatima il 13 ottobre 1917. Era una mattina piovosa, e alla Cova da Iria, località di pascolo nei pressi della cittadina di Fatima, si radunarono quasi centomila persone per poter verificare ciò che andavano dicendo tre pastorelli dal 13 maggio 1917: sostenevano di avere incontrato la Madonna e che la Vergine aveva promesso loro un prodigio “su larga scala” per convincere…

Moda vintage, ecco i motivi che spingono a vivere in un'altra epoca

Immagine
Da almeno cinquant'anni è stato trasformato in una lavanderia, ma è ancora lì, in mezzo al giardino, integro e vagamente inquietante: è il rifugio antiaereo del signor John Collingwood, un pensionato inglese di 79 anni, che da quando è nato vive nella stessa casa, dove il tempo si è fermato agli anni Cinquanta. «I miei genitori hanno acquistato questa casa nel 1925 e da allora poco è cambiato», dice Collingwood. Complice il desiderio del proprietario di vivere in un'altra epoca, e di non separarsi per nessun motivo da tutto ciò che l'ha circondato da quando è venuto al mondo, nel 1934. Molti antiquari si sono fatti avanti per convincerlo a vendere alcuni dei suoi "cimeli", ma l'anziano signore di West Bridgeford, nel Nottinghamshire, si è sempre rifiutato di cedere qualunque cosa. John Collingwood utilizza gli stessi elettrodomestici acquistati dalla madre dagli anni Trenta agli anni Cinquanta. Il suo frigo ha più di cinquant'anni, la cucina a gas e il gr…

Tachynes familiari

Immagine
Ieri notte aggirandomi per la mia casa simil campestre, al posto delle solite scutigere, ho incontrato un nuovo amico sicuramente riconducibile agli ortotteri. Più difficile è stato stabilire la specie. Il corpo molliccio e le lunghissime antenne mi hanno indotto a pensare che potesse trattarsi di un rhaphidophoridae, ma sono ancora adesso indeciso fra il Tachynes asymorous e il Dolichopoda azami. Propenderei però più per il primo, considerato che il secondo si trova a suo agio soprattutto in ambienti cavernicoli.

Enagra e speronella, specie agratesi

Immagine
Girando per i campi di Agrate Brianza quest'estate, m'è capitato di osservare due specie botaniche che non avevo mai preso in considerazione e che non credevo presenti sul nostro territorio. Sono l'enagra comune (Oenothera biennis), appartenente alle onagracee e la speronella (Consolida ragalis), delle ranuncolacee, che di primo acchito ho scambiato per un aconito. Benché i manuali dicano che sono entrambe diffuse, io le ho viste solo in un punto ben preciso, l'area campestre che divide Agrate da Concorezzo, limitrofa alla tangenziale; lo stesso è accaduto tempo fa con il cardo dei lanaioli (Dipsacus follonum) che per ora ho individuato solo fra gli incolti di Omate che si affacciano sul Molgora.  

Viaggio di sola andata per Marte: in lizza anche 35 italiani

Immagine
"Nessuno di noi ha intenzione di morire": sembra più un ossimoro che non una reale e consapevole affermazione legata all'ipotesi di volare su Marte senza mai più tornare a casa. A pronunciarla è Leila Zucker, 45enne medico statunitense di un pronto soccorso, uno dei 170mila volontari che si sono proposti per raggiungere il pianeta rosso nel 2023, in seguito a una missione che prevede l'ammartaggio, ma nessun viaggio di rientro. Il motivo è semplice. Spedire su Marte delle persone, senza preoccuparsi del loro ritorno, abbassa drasticamente le spese e consente di concentrarsi solo su determinate operazioni, tralasciando quelle più complesse. Potrà anche suonare cinico e antietico, tuttavia è proprio questo il succo del progetto fantascientifico di Mars One, un'organizzazione apolitica privata, il cui intento è quello di stabilire una colonia su Marte attraverso l'integrazione delle tecnologie attualmente disponibili. Esattamente fra dieci anni; con quaranta ast…

Il "pane degli angeli"

Immagine
E' una delle storie più avvincenti e affascinanti della Bibbia: la fuga del popolo ebraico dall'Egitto, alla conquista della Terra promessa. A capo degli ebrei c'è Mosè, il rav per antonomasia (il grande maestro), appannaggio della tradizione non solo ebraica, ma anche cristiana e musulmana. La lunga odissea narrata nell'Esodo, è costellata di eventi miracolosi, di cui, forse, il più noto è quello relativo alla divisione delle acque del Mar Rosso; sull'argomento si sono concentrati anche gli scienziati, supponendo un evento naturale in grado di provocare uno sconquassamento della geologia locale, tanto da permettere al popolo di Dio di lasciarsi definitivamente alle spalle gli egiziani. Ma altrettanto significativo è il miracolo della "manna dal cielo", su cui spesso si fa confusione, non sapendo bene di cosa si tratti e come sono andate realmente le cose. Innanzitutto un breve excursus. E' il momento in cui il popolo ebraico è in fermento. La Terra p…