La rincorsa delle Moving Rocks

Battezzate Moving Rocks rappresentano uno degli enigmi più curiosi della geologia. Il riferimento è a rocce presenti nella Valle della Morte che, in pratica, si muovono senza essere viste. Si lasciano alle spalle lunghe scie sul terreno di argilla secca, ma non si comprende il fenomeno che consente loro di spostarsi su piani pressoché orizzontali. I primi studi delle Moving Rocks risalgono al 1969. Robert P. Sharp del California Institute of Technology ne contò 25: una di esse s'era lasciata alle spalle una traccia lunga 64 metri. Fra le varie ipotesi avanzate dai geologi c'è quella relativa all'azione di forti piogge che renderebbero viscido il fondo del deserto, associata alla formazione di sottili strati di ghiaccio e all'azione del vento. In altri casi si è anche parlato di perturbazioni magnetiche e terremoti.

Commenti