Il gelo del Dryas recente provocato dall'esplosione di una cometa

13mila anni fa si estinsero all'improvviso molte specie animali. Gli scienziati da sempre si chiedono il motivo di questo evento, ma non sono ancora riusciti a dare una risposta esaustiva. Oggi, però, grazie alle ricerche di Bill Napier dell'Università di Cardiff, scopriamo che probabilmente la sparizione repentina di piante e animali avvenuta nel periodo chiamato dai geologi Dryas recente, potrebbe essere stata provocata dall'esplosione di una cometa nei cieli del Canada: lo confermerebbero i numerosi ritrovamenti di polvere di diamanti riscontrati in strati geologici risalenti a 13mila anni fa. Il fenomeno avrebbe determinato una 'grandinata' di detriti che si sarebbe protratta per circa un'ora provocando incendi immani, riconducibili a impatti di bombe nucleari. Il contatto con la cometa avrebbe pertanto oscurato l'azione solare, provocando un abbassamento repentino delle temperature e determinando una mini era glaciale. "Alla luce di un'ipotesi del genere possiamo spiegare con successo l'estinzione di molti animali avvenuta nell'11mila a.C., compresi i mammut", dice Napier. "Mentre perde consensi la teoria di un solo impatto, impossibile da mettere in relazione con i numerosi processi di combustione che contraddistinsero l'America del nord alla fine del Pleistocene". La conferma del raffreddamento planetario avvenuto 13mila anni fa, arriva anche dai carotaggi effettuati in Groenlandia. Grazie a queste operazioni è stato possibile stabilire che la temperatura nel Dryas recente era di circa 5°C inferiore a quella odierna.

Commenti