La rivincita dei poveri... ma felici

Non serve essere ricchi: l’ideale è guadagnare quel che basta e magari provare pure una certa dose d'invidia per chi guadagna di più. I più abbienti, infatti, si dicono soddisfatti, ma in realtà sono stressati, ansiosi e privi di spazi da dedicare a sé. Al contrario chi guadagna meno (ma sufficientemente per vivere), rivela di essere insoddisfatto e invece soffre meno stress, ansia e ha molto più tempo per divertirsi e stare con la famiglia. Sono le curiose conclusioni di uno studio effettuato da ricercatori di Princeton e pubblicato dalla rivista Science. Sembra una freddura eppure chi guadagna di più parrebbe meno felice degli altri. Gli studiosi hanno condotto la loro ricerca su un campione di 800 donne statunitensi. È emerso che le persone con alto reddito dedicano gran parte del loro tempo al lavoro, ai tour de force per i centri commerciali e alla cura dei figli, attività ritenute faticose, frenetiche, cariche di tensioni, e spendono soltanto il 19,9% della loro giornata in attività di svago come guardarsi un film o trascorrere una serata in compagnia di amici. Gli individui con un reddito inferiore dedicano invece il 34,7% della giornata al tempo libero, agli hobby o all’ozio, attività ritenute appaganti per la vita quotidiana.

Commenti