Peronospora e carbone del mais, ko con l'impiego dei licheni

Scienziati dell’Istituto superiore dell’Agricoltura e della facoltà di Farmacia e Biologia di Lille, propongono di combattere le malattie delle piante con i licheni. Secondo i ricercatori francesi nelle specie di licheni Evernia prunastri e Hypogymnia physoides, sono presenti degli acidi in grado di limitare l’azione di vari agenti fungini. In questo modo si pensa di debellare malattie devastanti per i vegetali coltivati, fra cui la peronospora delle solanacee, il marciume nero del cavolo e il carbone del mais: questa tecnica potrebbe, peraltro, rappresentare una valida alternativa al tradizionale impiego di pesticidi spesso dannosi per l’ambiente. I licheni sono organismi molto particolari derivanti dalla simbiosi di un fungo e un'alga. La parte fungina svolge funzione di protezione e sostegno, quella algale - grazie all'azione fotosintetica - permette la produzione di biomolecole come il Dna, l'Rna e i carboidrati.

The New York Botanical Garden (per avere altre info sui licheni): http://www.nybg.org/bsci/lichens

Commenti