Sempre più bassa l'età media del primo rapporto completo

Il primo rapporto completo? Avviene in un caso su 6 prima dei 14 anni. Spesso fra le mura scolastiche. Sono i risultati di una ricerca presentata in questi giorni a Milano e condotta dai ginecologi Sigo (Società italiana di ginecologia e ostetricia). Ma non è l'unico dato che stupisce. Secondo gli esperti 4 giovanissime su 10 - durante la fatidica 'prima volta' - non usano precauzioni, facilitando la diffusione di malattie veneree e andando incontro a gravidanze indesiderate. Il 57% opta per il preservativo; il 15% sceglie la pillola. Per 6 ragazze su 10 il primo rapporto avviene fra i 15 e i 18 anni. Ma incrementa anche il numero di under 26 che sceglie consapevolmente di rimanere vergine: il dato parla di una ragazza su 5. I motivi riguardano la necessità di aspettare l'uomo giusto per compiere un passo così importante, o la volontà di sposarsi in chiesa prima di vivere la sessualità nella sua completezza. La ricerca ha coinvolto 600 ragazze milanesi e romane, sottoposte a test specifici. Secondo i ricercatori questi risultati mostrano ancora una volta che l'età del primo rapporto completo cala sempre più. In certi casi riguarda addirittura ragazzine di 11, 12, 13 anni. "A volte capita anche prima di avere la prima mestruazione", rivela Alessandra Graziottin, direttore del Centro di ginecologia e sessuologia medica dell'ospedale San Raffaele Resnati di Milano. La conseguenza: crescono le under 14 che chiedono l'interruzione volontaria di gravidanza. Dallo 0,5% del 1995 si è passati all'1,2% del 2005. E in Italia la situazione è comunque meno drammatica rispetto ad altri paesi europei. Solo il 19% dei teenager italiani dichiara, infatti, di avere un'amica o parente che ha vissuto un'esperienza di questo tipo, contro il 45% dei polacchi, il 37% dei francesi e il 34% degli austriaci. Ma la vera patria delle cosiddette "school pregnacy", gravidanze fra i banchi di scuola, è l'Inghilterra, una vera e propria epidemia. Ma dove fanno l'amore per la prima volta le giovanissime? Il 19% afferma di averlo fatto in macchina, l'11% all'aperto, il 10% a scuola, il 2% in discoteca. Secondo alcuni ricercatori oggi la sessualità viene vissuta male dai giovanissimi anche a causa della mancanza di corsi di educazione sessuale nelle scuole, benché la prima proposta di legge risalga al 1910.

Commenti