Vulcani contro l'effetto serra

Una proposta 'bizzarra' per guarire il pianeta dal surriscaldamento globale: provocare delle esplosioni vulcaniche. L'idea è stata avanzata da scienziati dell'Università di Calgary, in Canada, e del Michigan, in Usa. Secondo gli studiosi questa tecnica consentirebbe l'immissione nell'atmosfera di particelle capaci di assorbire il calore del sole, abbassando di conseguenza la temperatura dell'aria. A queste conclusioni gli scienziati sono giunti dopo aver seguito l'eruzione del Pinatubo nel 1991, nelle Filippine. In quel frangente la temperatura si abbassò di 0,5°C. L'alternativa è quella di sparare acqua marina nel cielo. Il sale marino, infatti, è in grado di sviluppare nuove nuvole che, impendendo ai raggi solari di raggiungere la superficie terrestre, porterebbero a un abbassamento delle temperature.

Commenti