Molto più antica l'origine della prima angiosperma

Dell'origine delle angiosperme - le prime piante con fiore - ne abbiamo già parlato qualche tempo fa, proprio su Spigolature: http://gianlucagrossi.blogspot.com/2009/10/il-primo-fiore-risale-130milioni-di.html Si diceva che le angiosperme attuali derivano da piante vissute 130milioni di anni fa. Oggi, però, un nuovo studio afferma che, in realtà, questo tipo di piante evolute, sarebbero molto più vecchie. Secondo i ricercatori del National Academy of Sciences, le prime angiosperme si svilupparono, infatti, 215milioni di anni fa. Per arrivare a questi risultati gli studiosi hanno confrontato le caratteristiche genetiche delle piante attuali con quelle ricavate da resti fossili vegetali. Le prime angiosperme quindi non risalirebbero al Cretaceo, ma al Triassico. "Gli studi molecolari sono molto più precisi di quelli condotti sui fossili", rivelano gli scienziati. "Con ciò abbiamo potuto stabilire che l'evoluzione delle angiosperme risale alla prima epoca del mesozoico". Un importante risultato che serve anche a far luce sull'evoluzione degli insetti. I primi esapodi comparvero 400milioni di anni fa. Tuttavia le forme più progredite - che basavano la loro esistenza su polline e nettare - comparvero molto più tardi. Secondo gli esperti, quindi, le angiosperme anticiparono, per esempio, l'arrivo di api e vespe, creando i presupposti per la loro evoluzione che altrimenti non ci sarebbe stata. Le angiosperme sono anche note col nome di magnoliofite. Si differenziano dagli altri tipi di piante poiché i loro semi sono avvolti da un frutto che li protegge e ne facilita la dispersione. In particolare il fiore delle magnoliofite è molto più complesso di quello delle gimnosperme (pinacee), ritenute più primitive.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cuore, reni, ossa: quanto costa l'uomo al pezzo

Stelle o triangoli. Lo scarabocchio rivela chi siamo

I difetti femminili che piacciono agli uomini