lunedì 8 marzo 2010

Una donna su due finge l'orgasmo

Far finta di avere l'orgasmo. Un fenomeno riguardante il 48% delle donne, praticamente una donna su due. Sono i risultati di un sondaggio inglese diffuso oggi dal Daily Mail, coinvolgente 3mila appartenenti al gentil sesso. Il 9% delle intervistate dice, addirittura, di fingere regolarmente. Il 7% delle donne chiude una relazione perché insoddisfatta sessualmente; spesso colpevolizzando il partner, giudicato 'troppo veloce' (11%) o disinteressato ai preliminari (16%). L'orgasmo, comunque, quando è raggiunto senza 'recitare', può in realtà non dipendere affatto dalla bravura del partner, né dalla sintonia sessuale, bensì dall'immaginazione delle donne. Queste ultime, infatti, in un caso su cinque, mentre fanno l'amore, pensano a un'altra persona. Di solito ci si riferisce a un attore famoso o a un amico. Poi però difficilmente si confessa questo 'vizietto' al partner. Troppo imbarazzante. Stime simili sono riscontrabili anche in Italia. Secondo un recente studio diffuso dalla Società Italiana di Medicina Generale (SIMG) il 30,1% delle donne lamenta problemi legati all'orgasmo, e il 26,9% di lubrificazione. "Purtroppo l'abitudine a fingere un orgasmo è piuttosto diffusa anche nel nostro paese", spiga a Libero Francesca Romana Tiberi, sessuologa della SIAT (Società Italiana Analisi Transazionale). "Ricevo decine di mail di donne che ammettono di fingere un orgasmo, perché incapaci di raggiungerlo". Una ricerca analoga condotta in Usa dice, invece, che è del 43% la percentuale di donne statunitensi che soffrono di anorgasmia. L'orgasmo femminile, in ogni caso, è più difficile da raggiungere rispetto a quello maschile. Il problema è spesso di natura psicologica. Nella donna, infatti, a differenza dell'uomo, la componente emotiva ha maggiore peso. Sensi di colpa, irrequietezza, pensieri negativi, possono precludere il piacere femminile. In certi casi però il problema può anche essere di natura ereditaria. Secondo uno studio inglese l'impossibilità di raggiungere il piacere femminile, dipende nel 45% dei casi dalla genetica. "Nella maggior parte delle situazioni l'impossibilità di raggiungere l'orgasmo dipende in realtà dalla scorsa conoscenza che le donne hanno della propria anatomia", rivela la studiosa romana. "La stragrande maggioranza delle donne, infatti, non conosce il proprio corpo e quindi non sa praticamente come 'guidare' il proprio partner al fine di riuscire a provare piacere in un rapporto".

3 commenti:

Nicoletta/Pimpinella ha detto...

ma PERPIACERE!!!!chi ho scritto sto cavolo di articolo? un prototipo di giornalista UOMO, chiaro, noi faremmo l'amore pensando ad un attore? ma per cortesia!!! non offendete la nostra intelligenza!!! Resta solo un fatto, finchè avremo a che fare con maschi( non uomini)di questo tipo non c'è da stupirsi se non ci riusciamo, sapendo che invece, da sole, tutto funziona a meraviglia.
Quindi fatevi una domanda e datevi una risposta da soli!
ciao Nicoletta.

Gianluca Grossi ha detto...

Cara Nicoletta,

comprendo le tue perplessità. In effetti articoli del genere sarebbe meglio farli scrivere alle donne, che sanno + precisamente di cosa stiamo parlando. In ogni caso questo è ciò che emerge da un servizio apparso ieri sul DM: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1256134/Poor-chaps-Survey-reveals-nearly-women-fake-sheets.html. L'articolo dice che non tutte le donne pensano a Brad Pitt mentre fanno l'amore, ma una donna su cinque sì. Dopotutto è accettabile. Sarebbe bello sapere la percentuale di uomini. E comunque il sottoscritto è un sostenitore dell'intelligenza femminile. Un saluto

g.

Nicoletta/Pimpinella ha detto...

Grazie Gianluca, ma ogni tanto mi arrabbio per tutte quelle puttanate che i giornalisti scrivono. Riempire gli spazi pagine con queste statistiche è, come minimo, di una grandissima inutilità, poi a volte, c'e' di peggio, c'e' chi crede che sia vero.
Tu continua cosi', almeno io mi indigno e faccio circolare il sangue ehehehe ciao Nicoletta.