In ufficio tutti nudi per combattere la crisi

Tutti nudi in ufficio per combattere la crisi economica che sta attanagliando mezzo mondo. Questa la curiosa soluzione adottata da un’azienda inglese – la Onebestway di Newcastle – che si occupa di marketing e design. L’esperimento è avvenuto lo scorso aprile. L’azienda, in crisi da mesi, aveva già licenziato sei dipendenti ed era praticamente sull’orlo del fallimento. Ha quindi tentato un’ultima carta: ingaggiare uno psicologo esperto nei rapporti interpersonali fra colleghi. Lo psicologo David Taylor, dopo aver analizzato le dinamiche dell’azienda, è arrivato a proporre una soluzione alquanto bizzarra: lavorare per un giorno, un venerdì, completamente nudi. Secondo lo specialista questo sistema è in grado di frenare le inibizioni fra i colleghi, fa lavorare meglio, e di conseguenza incrementa i profitti. “È la soluzione più estrema che abbia mai adottato da quando faccio il mio mestiere – ha rivelato Taylor ai principali tabloid britannici -. Sembra un’idea assurda, in realtà migliora i rapporti interpersonali e aumenta la fiducia in se stessi”. All’inizio i dipendenti della Onebestway hanno storto il naso. Poi, però, trovandosi davvero in difficoltà, hanno detto sì all’iniziativa di Taylor e si sono ritrovati, quindi, alle proprie scrivanie senza veli. Alla proposta dello psicologo hanno aderito quasi tutti i dipendenti; solo un uomo ha preferito coprirsi le parti intime con un marsupio e una donna con la biancheria intima. Ad abbracciare entusiasta l’inusuale proposta per combattere la crisi economica è stata soprattutto la 23enne Sam Jackson, la più giovane di Onebestway: “L’esperimento ha avuto successo – dice la ragazza -. Le barriere fra noi dipendenti sono venute meno, e siamo riusciti a lavorare meglio, con più onestà e sincerità”. I primi risultati, infatti, non sono tardati ad arrivare: in questi giorni l’azienda inglese ha assunto due nuovi designer. Da questa esperienza è stato anche ricavato un documentario che andrà in onda il 9 luglio in Inghilterra sul canale Virgin 1. Mike Owen, amministratore delegato della società che ha ingaggiato lo psicologo David Taylor, conclude dicendo che “l’esperimento non ha nulla a che fare col sesso, come qualcuno potrebbe pensare. Era l’unico modo possibile per migliorare il lavoro di squadra e risollevarci da una situazione economica disastrosa”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cuore, reni, ossa: quanto costa l'uomo al pezzo

Stelle o triangoli. Lo scarabocchio rivela chi siamo

I difetti femminili che piacciono agli uomini