Lotta alle allergie e all'obesità: dal guscio dei gamberetti una nuova speranza

Combattere le allergie e il raffreddore da fieno con i gamberetti. È la proposta di un team di studiosi dell’università di Oxford in Inghilterra. I gamberetti contengono un polisaccaride, la chitina, che ha il potere di migliorare l’azione del sistema immunitario, consentendo all’organismo di rispondere con maggiore efficacia a pollini, polvere, peli del gatto. Gli esperimenti sono stati condotti sui topi, ma si prevede di intervenire al più presto anche sull’uomo, in primis sui bambini: i soggetti maggiormente predisposti alle allergie. Secondo gli scienziati si potrebbe dunque pensare alla realizzazione di uno spray a base di chitina da somministrare ogni volta che si presentano dei sintomi allergici. In realtà non è la prima volta che dai crostacei si ricavano sostanze utili all’uomo. Una variante chimica della chitina viene infatti già prodotta per combattere l’obesità. Dal polisaccaride, tramite un processo chimico chiamato “deacilazione”, si ottiene il chitosano, idrosolubile e capace di legarsi ai grassi alimentari: dalla loro unione si forma un complesso che rende i lipidi “innocui” e che consente infine di perdere peso. Il chitosano può giovare anche ai diabetici: in questo caso il suo compito è quello di rilasciare più lentamente l’insulina, e contrastare gli abbassamenti improvvisi di glucosio nel sangue. La chitina è un tipo di fibra che si trova nell’esoscheletro dei gamberetti, ma anche di molti altri vertebrati come insetti, granchi e aragoste.

Commenti

Post popolari in questo blog

Cuore, reni, ossa: quanto costa l'uomo al pezzo

Stelle o triangoli. Lo scarabocchio rivela chi siamo

I difetti femminili che piacciono agli uomini