Pantaloni a vita bassa e scollature: a rischio pelle e polmoni

Dilagano fra le giovanissime i casi di infezioni cutanee. Il motivo? L’eccessivo utilizzo di jeans o altri pantaloni a vita bassa. I bottoni per le allacciature, infatti, sfregano contro la pelle della pancia causando dermatiti. “Non abbiamo mai visto tanti casi di dermatite da contatto come ora – ha rivelato Adina Frasin, dermatologo del reparto Pediatria della Macedonio Melloni di Milano -. In particolare la moda dell’ombelico scoperto ha portato allo sviluppo di eczemi fastidiosi, una volta prerogativa dei lavoratori, localizzati dove i bottoni di metallo dei jeans entrano in contatto con la pelle”. Gli scienziati ricordano che la pelle dei più giovani è molto delicata e va protetta, non solo dallo strofinio dei bottoni ma anche dal freddo e dall’umidità. A tal proposito, rivela il gastroenterologo Gian Marco Ideo, medico del reparto di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva dell’Ospedale San Giuseppe di Milano “ombelico scoperto, mal di pancia assicurato, se la stagione non lo permette”. Per lo scienziato, oltre alla moda della pancia scoperta, anche quella delle scollature eccessive e dei golfini troppo leggeri in inverno andrebbe ridimensionata. In agguato quindi con le allergie della pelle anche le coliti e le bronchiti. Il freddo, commentano i ricercatori, abbassa le difese naturali dell’organismo e lo rende più soggetto all’azione di agenti infettivi. Recentemente il Sunday Times ha addirittura parlato dei primi casi di ipotermia metropolitana: protagonisti, teenager dagli abiti succinti e dall’ombelico costantemente scoperto.

Commenti