Il vento spinge i clienti ad acquistare in Borsa titoli e azioni

Il vento influenza le operazioni di borsa. Lo dicono studiosi della Texas Christian University e della Chulalongkorn University di Bangkok. “Abbiamo visto che durante le giornate ventose i broker tendono a vendere di più – ammette Peter R. Locke, a capo dello studio. Difficile dire il motivo di ciò. Presumibilmente il vento ha la capacità di influenzare il comportamento delle persone, in particolare di quelle alle prese con scelte importanti. Allo stesso modo si è visto che i broker sono più propensi a vendere quando c’è bel tempo, quando il cielo è azzurro e brilla il sole. Che l’andamento atmosferico sia in grado in qualche modo di interferire con le scelte di un individuo lo si pensava da tempo: per esempio, il semplice fatto che nell’aria siano presenti più ioni negativi che positivi, porta ad essere più intraprendenti e audaci. Ciò che è assolutamente nuovo è il fatto che statisticamente le giornate ventose sono strettamente relazionabili alle attività della borsa. Gli scienziati sono giunti a questi risultati dopo aver esaminato 4 anni di transazioni, dal 1997 al 2001, presso la borsa di Chicago. La città non è stata scelta a caso, ma perché in essa le giornate ventose sono molto frequenti. Infine gli studiosi dicono che andrebbero sempre valutate le condizioni meteorologiche quando si ha a che fare con operazioni economiche importanti: non è da escludere infatti che una particolare buffata di vento possa determinare il più importante successo di un broker.

Commenti